Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz) Quello che ti sto per fare è un discorso importantissimo su uno smartphone cinese, quindi apri bene le orecchie e presta particolarmente attenzione alle prossime parole. Tutti gli smartphone ormai supportano le reti 4G LTE, tuttavia non tutti – soprattutto i modelli cinesi – sono compatibili con la Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz) ovvero hanno un hardware non compatibile con la frequenza a 800 MHz utilizzata dagli operatori TIM, Vodafone, Wind, H3G per la loro la rete 4G (FDD-LTE). con cui gli operatori italiani diffondono parte del loro segnale.

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)
Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)

In genere in Italia si usano le bande 800 MHz, 1600 MHz e 2600 MHz, ma alcuni smartphone supportano solamente queste due. Questo significa che con questi ultimi modelli non sarà possibile agganciare il segnale LTE nelle aree che vantano solo il supporto della banda 800 MHz, la quale viene spesso indicata anche come Banda 20 o B20.

Web Hosting

Ma come si traduce in esperienza d’uso quotidiano la mancanza di Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz) sul proprio smartphone?

Smartphone e Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz) a che cosa serve veramente?

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)

è bene spiegare brevemente quali frequenze LTE sono utilizzate in Italia e in Europa e perché dovremmo interessaci a conoscere in modo dettagliato le frequenze 3G/4G supportate dai nostri smartphone.

Le frequenze LTE utilizzate in Italia dagli operatori di telefonia mobile

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)

Le bande di frequenza 4G LTE utilizzate in Italia sono:

  • Banda 3 (1800 MHz), utilizzata da TIM, Vodafone e 3 Italia, velocità massima in download variabile da 75 fino a 150 Mbit/s;
  • Banda 7 (2600 MHz), utilizzata da TIM, Vodafone, Wind e 3 Italia, velocità massima in download da 112,5 a 150 Mbit/s;
  • Banda 20 (800MHz), utilizzata da TIM, Vodafone e Wind, velocità massima in download 75 Mbit/s.

Queste bande sono state assegnate tramite aste pubbliche nel 2011 e i principali operatori di telefonia mobile in Italia, TIM, Vodafone, H3G (3 Italia) + Wind, le utilizzano tutte per la loro rete 4G anche se in modo differente.

Fusione Wind H3G Con la fusione tra Wind e 3 Italia i due operatori andranno a sfruttare tutte le frequenze LTE-4G, inoltre una condizione necessaria per la fusione è data dall’ ingresso di un nuovo operatore di telefonia mobile, Iliad, un operatore francese che avrà a sua disposizione le frequenze e le infrastrutture liberate dalla fusione Wind-3. Il 4° operatore, Iliad, per la sua rete 4G potrà sfruttare le bande 3 (1800 MHz) e 7(2600 MHz).

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz) a che cosa serve

Le frequenze più basse, quindi quella a 800 MHz, possono coprire distanze maggiori inoltre riescono a garantire una certa copertura all’ interno delle abitazioni, solitamente le bande a bassa a frequenza sono considerate più pregiate, e quindi è più costoso aggiudicarsele rispetto a quelle con frequenza più alta.

Ma tutto questo come influisce nella esperienza d’uso quotidiano? Quali sono le reali differenze nell’utilizzo di uno smartphone con B20 e uno senza B20?

Ci sono tanti utenti nei principali forum di elettronica e telefonia, che vivendo in zone centrali della propria città,  scrivono che avere o non avere la B20 è la stessa cosa, questo è vero se frequenti sempre gli stessi posti dove c’è una buona copertura LTE, ma all’interno di certi edifici, nelle zone più distanti dall’antenna puoi navigare in 4Gsolo se il tuo smartphone supporta la frequenza a 800 MHz del 4G.

In zone rurali avere smartphone che NON supportano la B20 spesso significa non poter navigare in 4G, inoltre la B20 è molto utile se si vuole sfruttare la connessione 4G del proprio smartphone anche all’interno degli edifici.

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)

Smartphone che NON supportano la B20 hanno più passaggi dal 3G al 4G e viceversa, questo in molti casi si traduce anche in “mancanza di connessione” a volte anche per alcuni minuti, specialmente se utilizzano smartphone android cinesi economici di scarsa qualità e di brand meno conosciuti.

Anche se la banda B20 ha velocità di download inferiori rispetto alla B3 e alla B7 e spesso la si assimila ad un una buona connessione H+ (HSPA+), in realtà c’è differenza tra utilizzare spesso il device in HSPA+ e usarlo in 4G con la B20, anche in termini di stabilità della connessione.

Ci sono zone dove NON c’è copertura 3Gma c’è copertura 4G grazie alla B20, in questi casi avere uno smartphone che NON supporta la banda 20 significa collegarsi alla rete 2G e navigare in EDGE (se l’operatore lo supporta).

La banda B20 è utilizzata anche per il 4G+ (LTE Advanced), questo avviene sfruttando la Carrier Aggregation Inter-band non-contiguous, dove vivo io con smartphone che supportano la B20 e la Carrier Aggregation B3+B20 riesco a raggiungere velocità rispettabili.

WIND per la sua rete 4G utilizza molto la frequenza a 800 MHz, gli utenti WIND dovrebbero acquistare solo smartphone che supportano la B20. Con la joint venture tra 3 Italia e Wind le cose potrebbero cambiare, ma per non avere problemi è meglio orientarsi verso device che supportano la banda 20.

Ovviamente il mio è un discorso generale, ci sono persone che vivono in centro a Milano e non notano differenze nell’utilizzare smartphone che supportano la B20 e smartphone android cinesi privi di banda 20. Tuttavia queste persone se si spostano in zone rurali o in zone con meno copertura sentiranno la differenza nel momento in cui utilizzeranno il proprio device per accedere a internet senza poter sfruttare la rete 4G.

Ma quali smartphone supportano la B20 e quali NO? come posso saperlo con sicurezza?

Smartphone acquistati nei Migliori Negozi Online Cinesi

Se acquisti un nuovo smartphone da Mediaworld, Euronics, Unieuro, Trony o un qualsiasi altro negozio di elettronica di consumo che vende smartphone ufficialmente importati in Italia non dovrai chiederti se ti tuo device supporta la B20, perché la risposta è: “SI, supporta la banda 20”, questo nel 99% dei casi.

Ci sono però delle eccezioni, quindi è sempre meglio chiedere al commesso prima di procedere all’acquisto, specialmente se state acquistato uno smartphone di brand poco conosciuti in Italia,

Modding: come abilitare la B20

Nei principali forum online, tipo XDA-Developers Android Forums, si trovano molti thread dove si discute su come abilitare via software la B20 su alcuni device ma senza aver successo, questo perché la limitazione è sia software che hardware.

Come conoscere quali frequenze LTE sono supportate dal nostro smartphone?

Esiste un sito che offre la possibilità di conoscere quali frequenze LTE supportate  dai vari smartphone in commercio, il sito è frequencycheck.com.

Il funzionamento di frequencycheck.com è molto semplice basta raggiungere l’indirizzo www.frequencycheck.com e nel campo di ricerca inserire il nome del telefono che vorremmo acquistare.

trovi anche la mappa delle nazioni che utilizzano la B20 LTE (800DD), tra queste ci sono la maggior parte dei paesi europei.

Smartphone che NON supportano la banda 20 si possono acquistare SI o NO? 

“SI in Italia si possono utilizzare anche smartphone che non supportano la frequenza LTE degli 800 MHz (banda 20)”.
Tuttavia 
potresti avere problemi con la navigazione in 4G in zone rurali, all’interno di edifici e se hai come operatore WIND.

“tu compreresti uno smartphone android che NON supporta la B20?”risponderei: “NO”

Acquistare uno smartphone Android cinese che supporta la B20 non significa che questo andrà sempre in 4G in zone coperte unicamente dalla frequenza a 800MHz, molto dipende dalla qualità del device

Banda 20 per reti 4G LTE (800 MHz)

Eccolo, Xiaomi Mi Note 10, tutto ciò che non sai sulla prima Penta camera al Mondo da 108 MP!

Xiaomi Mi Note 10 sta arrivando! Mi Note10 è Xiaomi Mi CC9 Pro ??? Cosa c’è di diverso con la prima fotocamera Penta al mondo da 108 MP?

Xiaomi Mi Mix Alpha? Lo smartphone con lo schermo intorno

iPhone 2020 Prototipo : uno smartphone Notchless 5G

Smartphone 5G attualmente più conveniente, iQOO Pro 5G, vale la pena acquistarlo?